archivi

Campania

Questa categoria contiene 60 articoli

Sorrento Ceramic Festival

Locandina SCF 2015L’autunno aprirà le porte alla II° edizione del “Sorrento Ceramic Festival”, venerdì 18, a domenica 20 settembre, nella città perla del golfo di Napoli, in piazza Veniero.

La manifestazione, promossa dal Comune di Sorrento, ed organizzata dalla associazione culturale Serenity Art di Avellino, ospiterà artigiani ed artisti provenienti da tutto il territorio nazionale. Tre giorni interamente dedicati all’arte, alla produzione di pregio della ceramica italiana, forte soprattutto delle sue tradizioni e delle sue radici culturali.“Una eccellenza – sottolinea – il maestro Vincenzo Femia, che vede, per il secondo anno, la partecipazione di artieri provenienti da tutta l’Italia e non solo. Una bacheca mondiale che espone un prodotto rappresentato, da aree di provenienza diversa, senza perdere di vista una pubblico europeo e mondiale in genere”. Luca Apuzza, direttore organizzativo,evidenzia: “l’importanza di valorizzare il concetto di artigianato di qualità, e soprattutto divulgare le capacità tecniche ed artistiche delle maestranze tutte”.

La kermesse, racchiuderà in sé diversi momenti, incontri e confronti con gli artisti, conferenze, performing-art, spazi espositivi, laboratori di ceramica raku, aperti a tutti coloro che vorranno cimentarsi nell’affascinante mondo della tecnica raku. Novità di questo anno, nell’ambito dell’evento, il concorso “In Arte Vino”, abbinamento tematico al “Greco di Tufo” Docg e produzione di artigianato di qualità in ceramica. Il concorso è rivolto ad artisti ceramisti. Il tema portante di questa edizione è la contaminazione con il vino Greco di Tufo.
“Le opere ammesse al concorso possono essere puramente decorative o avere una funzione pratica, devono essere realizzate al 90% in ceramica, possono essere pezzo unico o modulare. Le categorie premiate in egual modo saranno di due categorie: “ceramica tradizionale italiana” e “ceramica contemporanea”.
Inoltre verrà premiato il vino Greco di Tufo Docg, che durante il percorso sensoriale, il gioco di degustazione, e l’esperienza olfattiva, regali ai sensi la giusta intesa.

Per informazioni ed iscrizioni al concorso (gratuito):
Ass.ne culturale “Serenity Art” – Artisti
serenityart@libero.it – 0825/761133
333/2026908- 366/2336111

X concorso di pittura estemporanea L’Arte a Sant’Eligio e Piazza Mercato

X concorso di pittura estemporanea L’Arte a Sant’Eligio e Piazza Mercato

Sabato 9 maggio 2015 – dalle ore 8,30 alle 14,00

E siamo al compimento del decimo compleanno per una scommessa di Enzo Falcone, che ha sempre cercato il rilancio della zona S. Eligio e Mercato attraverso l’arte e la cultura, e dopo la bella iniziativa dell’arte in vetrina che allora era già sperimentata, pensò che oltre a far arrivare le opere nelle vetrine, era il caso di far arrivare gli artisti e dar loro la possibilità di gara nel rappresentare i luoghi storici e monumentali di questa parte di Napoli, sempre troppo dimenticata. E fu subito successo;conseguente anche al concorso fotografico e altre iniziative che sin dal 2000 davano nuovo impulso alla conoscenza della zona.
Sono passati quindici anni, e le attività si sono ridotte, molte le chiusure per attività storiche ma la manifestazione esiste ancora, e ogni anno riesce a motivare tantissimi artisti professionisti e allievi che invadono le strade e le piazze, chiese e chiostri armati di tele e colori, per fissare, nel tempo dato, la propria impressione dei luoghi e cercando di realizzare l’opera che sarà premiata come prima, anche se molti sono quelli che amano partecipare per il sano gusto di esserci, per una giornata all’aperto per dedicare le proprie capacità al servizio di una zona che nella dimenticanza generale, sa però in queste occasioni essere l’unica in città che vanta tante manifestazioni spontanee d’arte. L’associazione Storico Borgo Sant’Eligio ed il Consorzio Antiche Botteghe Tessili (dal 2006 è presente sul territorio) sono insieme nel percorso di promozione e sviluppo della zona Mercato. Anche quest’anno la manifestazione è aperta a tutti gli artisti con l’invito ai tanti studenti delle scuole di formazione artistica di partecipare anche e soprattutto per andare a scoprire una bella parte di città dove troveranno le chiese di Sant’Eligio, di San Giovanni a mare, Croce al Mercato e Santa Maria del Carmine, che tra le proprie mura hanno visto passare molta della storia della città e la grande piazza Mercato che dai dipinti di Micco Spadaro del ‘600 ad oggi è immutata nella sua funzione di raccordo tra i traffici commerciali e la città. Una vocazione spenta lentamente per le insipienti scelte politiche, ma ricercata con forza e passione da chi in questa zona ci ha passato la vita con imprese e botteghe, ed ecco che anche questa occasione perora con decisione la costituzione del Museo Laboratorio di Arte Tipografica, che rivolto ai giovani con la costituzione di una cooperativa, metterà il patrimonio della Tipografia Falcone al servizio della memoria per un arte che dal ‘500 ad oggi ha permesso di stampare libri, di ampliare la conoscenza, come l’estemporanea che offre nuova conoscenza dei luoghi storici ai tanti che qui non sono mai venuti, e sicuramente sarà una sorpresa ed una gioia condividere la passione e l’amore per l’arte e la propria città.

 Per info e regolamento:

Associazione Storico Borgo Sant’Eligio – Presidente Enzo Falcone

80133 Napoli – Via Duca di San Donato, 72

Tel.338.6898019 – borgosanteligio@gmail.com

Creattiviamo la Città – Festival della Creatività Giovanile

CreAttiviamoAl via il primo contest di Urban Sketchers a Salerno per il 24 Maggio 2015. Una giornata collettiva di disegno dal vero per raccontare la città in diretta, con parole e immagini, seguita da un’esposizione e una premiazione finale. Il contest è rivolto ai giovani della Regione Campania tra i 15 e i 34 anni per un numero massimo di 50 iscritti a cui verrà regalato un taccuino e una maglietta dell’iniziativa e la partecipazione è gratuita.

Le domande di iscrizione dovranno pervenire entro le ore 12.00 del 15 maggio 2015.

L’evento sarà inserito all’interno del “Creattiviamo la Città – Festival della Creatività Giovanile”, in programma dal 22 al 24 maggio 2015. Mostre d’arte, performance live, workshop, seminari, vernissage, proiezioni saranno solo alcune delle attività previste all’interno della tre giorni, arrivata alla sua terza edizione. Manifestazione organizzata dal Centro Informagiovani Salerno nell’ambito del progetto ‘Giovani Protagonisti della Cultura’, finanziato dal Settore Politiche Giovanili e del Forum Regionale della Gioventù della Regione Campania e dal Comune di Salerno.

I 3 ‘sketch’ migliori saranno premiati, con dei pacchetti turistici, da una giuria composta da Ilaria Grimaldi, illustratrice e madrina del contest; Gianluca Puglia, Artista e Interior Designer dell’associazione “Salerno Cantieri e Architettura” e Giuseppe Palmentieri, Direttore della Scuola Comix Ars Salerno, partner dell’iniziativa.

Inoltre saranno assegnati:

Premio Speciale “Stile più fumettoso”. La Scuola Comixs Ars premierà il taccuino che dimostrerà di avere lo stile di disegno più fumettoso. Il premio, dal valore di 100€, consiste nell’iscrizione ad un corso di disegno, fumetto, illustrazione alla scuola.

Premio Speciale “YOURCity YOURCapital Tee Prize”. YOUR CC PROJECT S.R.L., società che stampa e commercializza t-shirt attraverso e-commerce, premierà un taccuino con la realizzazione della t-shirt “Salerno Urban Sketch” che andrà ad aggiungersi alla City Collection del brand. Al vincitore del premio sarà corrisposta una provvigione sui capi venduti.

Tutte le opere create durante la giornata saranno esposte per 15 giorni successi presso il Centro Informagiovani Salerno e saranno visitabili negli orari di apertura del servizio.

Per iscriversi è necessario inviare la domanda di iscrizione, scaricabile dal sito Informagiovani Salerno e una copia del documento d’identità all’indirizzo di posta elettronica creattiviamo@informagiovanisalerno.it indicando nell’oggetto ”Contest Urban Sketchers”.

Locandina: Locandina_Urban

Evento Emozioni Unesco

Emozioni UnescoL’Evento EMOZIONI UNESCO – CERTOSA DI SAN LORENZO PADULA · SALERNO – 26 · 27 · 28 FEBBRAIO 2015

Mostra culturale della Dieta Mediterranea si struttura attraverso un percorso narrativo, culturale ed emozionale che parte dal Mediterraneo per approdare alla Campania, luogo magnifico e terra fertile dove Cereali, Verdura, Olio, Vino, Pesce, Formaggi e Frutta sono tripudio di colori per l’occhio e di sapori per il palato. La Campania è anche il luogo in cui Ancel Keys, combina i risultati ottenuti dallo studio delle abitudini alimentari dei cilentani con quelli del famoso “Seven Countries Study” e formula il concetto di Dieta Mediterranea, espressione riferita allo stile di vita di circa 21 paesi bagnati dall’omonimo mare.

LA MOSTRA

Emozioni Unesco è una mostra itinerante che si pone l’obiettivo di costruire una connessione fra cibo e arte, fra alimentazione e saperi, fra immagini, suoni, musica, tradizione, film e documentari per narrare la storia del cibo nei secoli, centrando il focus sulla nascita, sviluppo e assestamento delle pratiche e delle prassi riconducibili alla Dieta Mediterranea. Una piccola esperienza quotidiana, un percorso intimo, privato, da gustare in silenzio, lasciandosi avvolgere dalle suggestioni che video, sound e cibo sanno evocare. Lo stile di vita e i benefici della Dieta Mediterranea secondo l’illustre parere dei massimi esperti del settore. Un approccio medico-scientifico ma anche storico – antropologico. Sfondo della conversazione, la meravigliosa Certosa di San Lorenzo in Padula, uno dei più importanti complessi monastici d’Europa. In occasione dell’evento, le geometrie della facciata della Certosa si illumineranno a festa per omaggiare del benvenuto i visitatori della Mostra. Una proiezione originale di VIDEO MAPPING, realizzata in collaborazione con il collettivo Hypoikon, circonderà lo spettatore di luci, immagini e suoni.

PERCORSO ENOGASTRONOMICO

Parallelamente alla mostra si sviluppa un percorso enogastronomico, originale e innovativo, che esalta gusto e vista con i prodotti che rappresentano il cuore della Dieta Mediterranea e con tante eccellenze campane, attraverso il quale il visitatore può scoprire e “assaggiare” le produzioni tradizionali, vini DOCG, DOC, IGT e i prodotti a denominazione di origine campani DOP, IGP, e STG. Il percorso è allestito negli splendidi ambienti, recentemente recuperati, che un tempo ospitavano i depositi certosini di olio, salumi e derrate agricole, che per l’occasione saranno aperti al pubblico e saranno suddivisi per aree tematiche, dalle terre dell’olio, a quelle del vino, della soppressata a quelle dell’ortofrutticolo, delle nocciole a quelle del pane e della pasta, dal pomodorino al mondo dei pesci.

COOKING SHOW

La cucina campana si mostra in tutte le sue sfaccettature: cultura, identità, creatività, gusto, benessere, tracciabilità e community. Potremo scoprire tutto ciò nei COOKING SHOW che si alterneranno durante tutta la durata della manifestazione, con l’aiuto di chef ed esperti, e i prodotti selezionati tra quelli degli espositori e tra i partner campani presenti all’iniziativa, dai quali si potranno trarre suggerimenti che potranno stupire anche operatori e raffinati gourmet. I cooking show sono gratuiti e si svolgeranno nell’AREA COOKING SHOW appositamente attrezzata ed ubicata all’interno degli ex depositi. Per il pubblico è necessario presentarsi 10 minuti prima dell’inizio del COOKING SHOW per prendere posto.

Scarica il programma completo: Programma

Il Presepe nel portone – una commemorazione centenaria in vicolo Cav. Barone a Casamarciano

1

Il Presepe “nel portone” – una commemorazione centenaria in vicolo Cav. Barone, Casamarciano.

Passeggiando per il centro storico di Casamarciano, in via cav. Barone (meglio nota come via “Zi Tonno”) durante le trascorse festività natalizie, il Presidente dell’associazione Sentieri e Sapori, Giuseppe Restaino, ha fatto un incontro non casuale ed una scoperta di non poco conto. In uno dei vicoli più antichi del paese, nell’abitazione della famiglia Napolitano, illuminato da una stella cometa che indicava la strada, vi era un presepe di semplice fattura, realizzato con legno di pioppo e popolato da pastori ottocenteschi, opera di mani esperte di artigiani locali. I proprietari del presepe (famiglia Napolitano), casamarcianesi da tre generazioni, ricordano le origini di questa piccola opera.

2Nel 1904 Casamarciano fu colpita dalla terribile epidemia di vaiolo che allarmò la popolazione del nolano e del bainese. I capifamiglia della contrada decisero insieme di ricorrere a Qualcuno di veramente potente.

Al Bambin Gesù che stava per nascere chiesero accorati la “grazia” di preservare tutti i bambini della città dal turpe male. Uniti e silenziosi, con il cuore in preghiera, portarono in processione la statua del Bambino, che dall’alto della Sua bontà, esaudì le preghiere a Lui rivolte.

3I bambini casamarcianesi scansarono l’epidemia indenni. E, da quell’anno, ogni anno, come tradizione vuole, alle ore 24:00 del 24 dicembre, viene messo nella mangiatoia del presepe il Bambin Gesù tra la folla di astanti che cantano il Te Deum e Tu scendi dalle stelle. Subito dopo, il Bambino viene portato in processione per il paese, seguito da bambini camarcianesi di tutte le età vestiti da angioletti, nel rispetto ossequioso della cittadinanza adorante.

4Da quel lontano 1904, la famiglia Napolitano, oltre a curare la processione, commemora l’evento allestendo il presepe “nel portone” della propria abitazione, in una stanza di 30 mq, destinata per disposizione testamentaria alla sacra esposizione e consentire alla cittadinanza di rievocare ogni anno la grazia miracolosa.

5Un modo semplice per preservare la tradizione locale, dove ciò che conta non è né la pregiatezza dell’opera né la preziosità dei manufatti bensì la gratitudine instancabile verso la Divina misericordia e la devozione incrollabile e mai sopita di un popolo che si affida e non dimentica.

sindaco

Annunziata Candida Fusco per Sentieri e Sapori

XVI Irnofestival

26 ago Salerno - manifesto-toscaSarà ‘Tosca’ di Giacomo Puccini l’opera che inaugurerà, martedì 26 agosto all’Arena del Mare di Salerno, la XVI edizione dell’Irnofestival. Unica opera lirica dell’estate salernitana, Tosca sarà portata in scena dall’associazione Rachmaninov di Mercato San Severino “nonostante il perdurare d una crisi che impedisce di organizzare più spettacoli e manifestazioni culturali” dice il direttore artistico M° Tiziano Citro. “L’Irnofestival – continua – si basa su incassi da botteghino ed è supportato da sponsor privati e da sponsor istituzionali quali Regione Campania, Ept di Salerno e Camera di Commercio di Salerno”.

Tosca di Puccini, unica opera lirica in scena sul territorio, non viene rappresentata a Salerno da diversi anni. “Assistervi – spiega Citro – sarà l’occasione per rivivere momenti di passione sentimento gioia sofferenza. L’amore di Tosca per Mario Cavaradossi, ricambiato, è intrigante. L’invidia e la passione di Scarpia per Mario e Tosca assumono caratteri morbosi. L’uso sregolato ed indiscriminato del potere condisce la storia di una forte volontà di giustizia. Alla fine la morte dei protagonisti rende quest’opera, forse, la più drammaticamente riuscita di Giacomo Puccini. I momenti di alto ed enfatico lirismo sono raggiunti sia nella preghiera di Tosca che nell’addio di Lecevan le stelle di Cavaradossi”.

Tosca in scena a Salerno – I numeri

120 elementi dell’orchestra e coro Tchaikovsky (Russia) voci bianche del Teatro Gesualdo di Avellino; 9 cantanti, saranno i protagonisti dell’opera più passionale e drammatica scritta da Giacomo Puccini che vedrà nel ruolo della protagonista il soprano Fernanda Costa (regia di Gianni Gualdoni, direzione di Leonardo Quadrini).

Martedi 26 agosto 2014 – Arena del Mare Salerno ore 21 Tosca di G. Puccini

Continua a leggere

Cartapesta e colori nel vicolo della “girata”

Officina ArteCartapesta e colori nel vicolo della “girata”: associazione artistico-culturale “Officina dell’Arte”, Nola – via Merliani 40/42.

Dopo l’ ASD Atletica Nolana Road Running Team, Sentieri e Sapori incontra e promuove un’altra splendida realtà dell’Area Nolana: l’associazione artistico-culturale “Officina dell’Arte”, la cui sede è nel cuore storico della città di Nola, nel c.d. “vicolo delle carceri”, la strada per antonomasia del giro dei gigli nel giorno più atteso dell’anno. L’associazione, nata nel luglio 2013 dall’operosa sinergia tra nolani appassionati della storia e delle tradizioni della loro antichissima città, ha come mission, appunto, la valorizzazione della storia e delle tradizioni nolane attraverso la promozione, la pratica e la diffusione della pittura, della scultura e dell’arte in genere nonché di ogni altra forma di espressione artistico-culturale che affondi le sue origini nella realtà antica e moderna della città di Nola.

Non solo gigli, perciò, come tengono a sottolineare i soci fondatori: il presidente Leopoldo Santaniello e i consiglieri Erminio Sticchi, Alfonso Napolitano e Michele Della Gala (quest’ultimo già incontrato nel consiglio direttivo di Atletica Nolana). A parte la suggestività del luogo scelto per la sede, si coglie immediatamente la volontà di esaltare e far ammirare ciò che rende lustro alla città, contrariamente al degrado urbanistico e sociale che putroppo colpisce proprio la parte più antica della stessa.

Continua a leggere

INTERCETTAZIONI volume 3

Intercettazioni“INTERCETTAZIONI vol. 3”, IL FESTIVAL CHE NON CONOSCE IL TEMPO

Contursi Terme (Sa), musica e arte con Ilaria Graziano & Francesco Forni, Giovanni Truppi, La Rappresentante di Lista e “La porta di luce” di Federico Fernicola al festival di Bandiera Bianca.

Il 30 luglio torna Intercettazioni, il festival organizzato dall’associazione Bandiera Bianca di Contursi Terme.
Giunto alla sua terza edizione, il festival quest’anno vedrà alternarsi sul palco tre nuovi progetti musicali che hanno fatto della ricerca e della sperimentazione il proprio tratto distintivo: La Rappresentante di Lista, Ilaria Graziano & Francesco Forni e Giovanni Truppi. Nella galleria d’arte di piazza San Vito, poi, ecco “La porta di luce”, video installazione di Federico Fernicola.

La location dell’evento sarà sempre piazza San Vito, avvolta dal tempo sospeso del festival che “adora gli orologi e non conosce il tempo”, come canta Giovanni Lindo Ferretti nel brano scelto come manifesto di questa terza edizione. “Svegliami” dei CCCP è, infatti, la colonna sonora di una serie di spot virali che raccontano la sorpresa della scoperta di un tempo nuovo negli angoli ritrovati di Contursi Terme e di Palomonte. Autori ed attori di questi piccoli cortometraggi pubblicitari sono le sei giovani anime di Bandiera Bianca che vogliono raccontare il proprio tempo attraverso le voci e i talenti di chi è stato intercettato in questo paese della provincia salernitana ai confini con l’Irpinia e la Basilicata.

La scelta del cast del festival non è stata casuale, mescola voci e generi che, in alcuni casi, hanno già risuonato nel circo ARCI Bandiera Bianca nel corso della programmazione invernale e primaverile incantando i soci di quello che è diventato un polo di cultura permanente della Valle del Sele.

Continua a leggere

Associazione sportiva dilettantistica Atletica Nolana – Road Running Team

Logo Atletica NolanaNasce l’Associazione sportiva dilettantistica Atletica Nolana – Road Running Team: la prima associazione nolana per appassionati del running

Dalla tenacia e dalla perseveranza del suo Presidente, unitamente alla passione per la corsa condivisa con gli altri soci fondatori, è nata finalmente a Nola la prima associazione sportiva dilettantistica avente come oggetto il running, la camminata, la passeggiata ed ogni altra forma di movimento all’aperto da vivere principalmente in gruppo e con spirito non necessariamente competitivo.

L’associazione si propone di:

a) promuovere e sviluppare attività sportive dilettantistiche, in particolare nelle discipline legate al podismo, camminata ed escursione naturalistica e in tutte quelle che il direttivo delibererà in futuro;

b) organizzare manifestazioni sportive in via diretta o collaborare con altri soggetti per la loro realizzazione;

c) promuovere attività didattiche per l’avvio, l’aggiornamento ed il perfezionamento nelle attività sportive;

d) studiare, promuovere e sviluppare nuove metodologie per migliorare l’organizzazione e la pratica dello sport;

e) gestire impianti, propri o di terzi, adibiti a palestre, campi e strutture sportive di vario genere;

f) organizzare squadre sportive per la partecipazione a campionati, gare, concorsi, manifestazioni ed iniziative di diverse discipline sportive;

g) indire corsi di avviamento agli sport, attività motoria e di mantenimento, corsi di formazione e di qualificazione per operatori sportivi;

h) organizzare attività ricreative e culturali a favore di un migliore utilizzo del tempo libero dei soci.

Continua a leggere

SENTIERI E SAPORI alla scoperta dei tesori nascosti nelle Terre del Sud

BIBLIOTECA “TOMMASO BARTOLOMEI” PRESSO CONVENTO SERVI DI MARIA – SAVIANO

SENTIERI E SAPORI alla scoperta dei tesori nascosti nelle Terre del Sud.

Esiste un ordine religioso che forse in pochi conoscono nell’area nolana, pur godendo di una più ampia notorietà nell’ambito della provincia meridionale, facente capo a Napoli, ed è l’Ordine dei Servi di Maria, sorto a Firenze nel 1233 ad opera di sette mercanti che, lasciate tutte le loro ricchezze, incominciarono a vivere all’insegna del Vangelo, servendo i poveri ed ispirandosi alla Vergine Maria, Madre del Creatore.

Nel 1430 fu aperto a Napoli il primo convento del Sud dell’Italia. Fu così costituita la Provincia del Regno, soppressa poi nel 1810 dalle leggi napoleoniche. Ciononostante, nel 1888 vi fu la canonizzazione dei sette frati fondatori: Bonfiglio, Bonagiunta, Manetto, Uguccione, Amadio, Sostegno e Alessio. Agli inizi del XX sec. l’Ordine è ormai presente in tutti i continenti. Nel 1921, i coniugi Luigi Carrella (di Palma Campania) e Laura Mercolino (di Lauro) donarono la loro casa di campagna, in Sirico – frazione di Saviano, ai frati. Qui, nel 1922, Padre Girolamo Russo (Cimitile, 1885 – Saviano, 1970) aprì il primo Collegino del Sud dell’Italia. Da questo luogo ripartì la rinascita della presenza dei frati nel Meridione d’Italia. Presso il Convento dei Servi di Maria di Saviano si conservano le spoglie di p. G. Russo. A parte la chiesa, dove si celebra regolarmente la messa domenicale, ed il convento, aperto solo in particolari occasioni ed eventi, con le sue sale ed il giardino annesso, i Servi ospitano una Biblioteca, unica e singolare nel suo genere, preziosa e rara, gelosamente custodita dalla sapiente cura di chi sa conservare con religioso silenzio tesori inestimabili. Biblioteca, purtroppo, quasi invisibile, perché non ha goduto dell’attenzione che merita da parte della cittadinanza e delle istituzioni, che attira visitatori e studiosi da lontano, ma pressochè ignota a chi ci vive intorno.

Continua a leggere

Post pubblicati

Aggiornamenti Twitter