archivi

Terre Italiane

Questa categoria contiene 15 articoli

Comune di Apice – Avviso Centro Storico

Immagine Apice

AVVISO PUBBLICO ESPLORATIVO

ACQUISIZIONE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE

Scadenza: 4 Dicembre 2015

In esecuzione della deliberazione di Giunta comunale n. 123 del 29.10.2015 e della determinazione dirigenziale n. 309 del 02.11.2015 il Comune di Apice (BN) rende noto che intende acquisire manifestazioni di interesse, al fine di procedere ai successivi adempimenti per la gestione e l’utilizzo di propri immobili siti nel Centro Storico, già oggetto di interventi di recupero edilizio.

Il Centro Storico di Apice è interessato da anni da interventi di ristrutturazione e recupero di alcuni immobili di particolare pregio storico-architettonico.

In continuità con le attività poste in essere, oggi la finalità del presente avviso è quella di acquisire manifestazioni d’interesse con proposte progettuali finalizzate alla completa fruizione di una parte del patrimonio immobiliare di proprietà del Comune ubicato nel Centro Storico e che è stato già oggetto di una serie di interventi di recupero, con una utilizzazione dello stesso a fini economici attraverso la realizzazione di attività imprenditoriali che valorizzino i singoli immobili con la conseguente valorizzazione del centro storico, creando un attrattore qualificato sotto il profilo turistico ricettivo e culturale di incontro e ritrovo.

Stesso procedimento anche per la gestione e l’utilizzo del Castello Normanno a seguito dei lavori di recupero in fase di ultimazione, per acquisire manifestazioni d’interesse con proposte progettuali finalizzate alla completa fruizione del Castello con l’utilizzo di tutti i suoi spazi a fini socio-culturali ed economici attraverso la realizzazione di attività gestionali che valorizzino la struttura e, di conseguenza il centro storico di cui sopra.

Maggiori informazioni, bando e modulistica sono disponibili su sito web del Comune di Apice (BN) alla pagina http://www.comune.apice.bn.it/portale/2015/11/02/centro-storico/

Annunci

Sorrento Ceramic Festival

Locandina SCF 2015L’autunno aprirà le porte alla II° edizione del “Sorrento Ceramic Festival”, venerdì 18, a domenica 20 settembre, nella città perla del golfo di Napoli, in piazza Veniero.

La manifestazione, promossa dal Comune di Sorrento, ed organizzata dalla associazione culturale Serenity Art di Avellino, ospiterà artigiani ed artisti provenienti da tutto il territorio nazionale. Tre giorni interamente dedicati all’arte, alla produzione di pregio della ceramica italiana, forte soprattutto delle sue tradizioni e delle sue radici culturali.“Una eccellenza – sottolinea – il maestro Vincenzo Femia, che vede, per il secondo anno, la partecipazione di artieri provenienti da tutta l’Italia e non solo. Una bacheca mondiale che espone un prodotto rappresentato, da aree di provenienza diversa, senza perdere di vista una pubblico europeo e mondiale in genere”. Luca Apuzza, direttore organizzativo,evidenzia: “l’importanza di valorizzare il concetto di artigianato di qualità, e soprattutto divulgare le capacità tecniche ed artistiche delle maestranze tutte”.

La kermesse, racchiuderà in sé diversi momenti, incontri e confronti con gli artisti, conferenze, performing-art, spazi espositivi, laboratori di ceramica raku, aperti a tutti coloro che vorranno cimentarsi nell’affascinante mondo della tecnica raku. Novità di questo anno, nell’ambito dell’evento, il concorso “In Arte Vino”, abbinamento tematico al “Greco di Tufo” Docg e produzione di artigianato di qualità in ceramica. Il concorso è rivolto ad artisti ceramisti. Il tema portante di questa edizione è la contaminazione con il vino Greco di Tufo.
“Le opere ammesse al concorso possono essere puramente decorative o avere una funzione pratica, devono essere realizzate al 90% in ceramica, possono essere pezzo unico o modulare. Le categorie premiate in egual modo saranno di due categorie: “ceramica tradizionale italiana” e “ceramica contemporanea”.
Inoltre verrà premiato il vino Greco di Tufo Docg, che durante il percorso sensoriale, il gioco di degustazione, e l’esperienza olfattiva, regali ai sensi la giusta intesa.

Per informazioni ed iscrizioni al concorso (gratuito):
Ass.ne culturale “Serenity Art” – Artisti
serenityart@libero.it – 0825/761133
333/2026908- 366/2336111

FERMATA CALABRIA… LE ALTERNATIVE POSSIBILI

rossano_calabroTerre Lente, il progetto di promozione territoriale meridiano in olanda di Luigi Pucciano ti invita a:

FERMATA CALABRIA… LE ALTERNATIVE POSSIBILI – 1- 7 SETTEMBRE ROSSANO-CIVITA

Fermata Calabria, è una scommessa che si vuole vincere!!

E’ la voglia di riscatto e di sano protagonismo di un Sud abituato troppo spesso a lamentarsi e a delegare ad altri la propria sorte.

A fronte di una Calabria che chiama c’è però un’ Italia che risponde a gran voce, perché sa, che se si ha voglia di ripartire per davvero, bisogna farlo dalle aree più periferiche e complesse, mettendoci tutta la passione di cui si è dotati..

Da quel Sud quindi, ricco di un patrimonio umano, storico, naturalistico e culturale immenso, che necessita di venire contaminato con la forza dei buoni esempi.

E risponde con un rinnovato entusiasmo e con la partecipazione convinta di chi ha voglia di esserci, per costruire e ragionare assieme su “le alternative possibili”.

Parte così, tra persone diverse e lontane fisicamente tra loro, ma profondamente vicine come idealità (ossia dal gruppo di lavoro “lo faccio bene cinefest” fratello ribelle e creativo del gruppo scuola, branche entrambi dell’esperimento sbarchi in piazza) una lunga, incessante, stimolante e a volte sfiancante palestra virtuale di democrazia, attraverso la quale si inizia a seminare piccoli spazi di consapevolezza attiva e fattiva verso il mondo che molti di noi vorremmo.

Le diverse importanti iniziative avviate da reti ormai sempre più convintamente interconnesse in tutta Italia, stimolano e preparano dunque, il terreno per l’approdo in Calabria.

Dall’ 1 al 7 Settembre, camminando-ragionando, degustando e assaporando angoli di un paradiso per certi aspetti ancora autentico e tutto da scoprire, si connetteranno storie, emozioni, pensieri e progetti che puntano a costruire solidi percorsi tra persone che ci credono ancora e che non si rassegnano a rinunciare ai propri sogni.

E allora, l’invito è quello di recuperare un biglietto di andata per far parte di quella carovana in movimento che è pronta a scommettere che il futuro possa e debba essere più bello per tutti.

Cristiana Smurra

In allegato trovi il Programma aggiornato. Se vuoi partecipare, dare un segnale, collaborare, scrivimi o contatta direttamente

Cristiana 3273456731 fermatacalabria@gmail.com

FERMATA CALABRIA-festa delle alternative possibili

Genti e reti che si muovono e si incontrano…

Lo faccio bene cinefest, per costruire il cambiamento dai buoni esempi

La scuola, dalla protesta alla proposta

RESSUD, all’alba del suo risveglio

L’Italia che cambia, Social Business World e gli attori locali del cambiamento

Artisti, artigiani e fantasiosi vari liberamente espongono le loro idee

Quattro giorni in Calabria ai primi di settembre a FERMATA CALABRIA-festa delle alternative possibili

Per discutere, ballare, camminare assieme

Dormire sotto le stelle e fare il bagno di notte

Arrivandoci, chi vuole, a piedi, assieme alla Compagnia dei Cammini, in una camminata “selvaggia”

Vi aspettiamo! E se inoltrate, male non fa a nessuno….anzi!

Cordiali Saluti

Luigi Pucciano

terrelente.com

facebook.com/terrelente

+31 6 19 95 60 75

+39 339 147 99 84

legallinefelici.it

facebook.com/legallinefelici.nl

 

L’interpretazione del patrimonio naturale e culturale

SeminarioSEMINARIO INTERNAZIONALE L’INTERPRETAZIONE DEL PATRIMONIO NATURALE E CULTURALE (Heritage Interpretation) – per la la conoscenza, la conservazione, la valorizzazione, l’occupazione.

L’Aquila, 20 marzo 2015 – Università degli Studi dell’Aquila – Dipartimento di Scienze Umane
Aula Magna, Via Nizza 14
a cura di UnivAq, ITC CNR, Federparchi, Fondazione Roffredo Caetani, Istituto Pangea Onlus

Il perché, il cosa, il come e il chi di un programma innovativo per valorizzare il patrimonio d’Italia e promuovere l’occupazione attraverso l’Interpretazione Ambientale.

Una ricchezza senza uguali al mondo. Costituita non solo da boschi o da monumenti, da scogliere e da siti archeologici, da laghi, da musei, da vulcani e da centri storici ma dal fatto che il patrimonio storico e artistico più vasto della Terra e il patrimonio naturalistico più diversificato dEuropa formano un bene unico e indivisibile: un insieme irriproducibile che continua a generare flussi turistici ed economici importanti, anche solo per il grande fascino che esercita sull’immaginario di tutti.

Un patrimonio che è le nostre radici, che rappresenta la nostra identità e che conserva le storie del nostro passato ma che, soprattutto, costituisce un’opportunità straordinaria di costruire, oggi, il nostro futuro. Si tratta di un patrimonio ancora poco valorizzato, che può divenire fonte non solo di cultura e di educazione, ma anche di nuove forme di occupazione e di reddito. La valorizzazione dei beni ambientali e culturali del nostro Paese per accrescere l’occupazione è stata, da sempre, una promessa non mantenuta. Oggi può divenire una realtà, un’opportunità da cogliere, senza esitazioni. Per farlo, però, sono necessarie nuove competenze e capacità, sostenute da motivazione e spirito creativo: tutte caratteristiche tipiche dell’Interpretazione Ambientale che, com’è stato ampiamente dimostrato a livello internazionale, è una moderna risposta professionale a questa esigenza di ricerca, conoscenza, conservazione, valorizzazione e sviluppo.

Questa “disciplina”, infatti, consente non solo di “ritrovare” la propria identità culturale ma anche di far vivere a visitatori e turisti un’esperienza memorabile, di offrire loro servizi di qualità e, al contempo, di comunicare e trasmettere messaggi educativi, riuscendo così a conciliare le esigenze di conservazione con quelle di promozione e sviluppo economico.

Le finalità del Seminario

Far conoscere e diffondere presso l’Università e il mondo della ricerca, dell’Istruzione, del lavoro e degli attori sociali responsabili della gestione e conservazione dei beni ambientali e culturali, l’Interpretazione Ambientale (Heritage Interpretation), quale metodo di ricerca, studio e indagine, moderno strumento di conoscenza e valorizzazione dei beni e per nuove possibilità occupazionali in campo ambientale e culturale.

Gli obiettivi

  • Promuovere lo sviluppo e l’affermazione, attraverso iniziative di qualificazione professionale delle risorse umane, anche a livello universitario, della professione dell’Interprete Ambientale, nelle sue applicazioni in diversi campi: dai servizi al pubblico, alla pianificazione territoriale, alla creazione di sussidi e strumenti di comunicazione.
  • Favorire l’avvio di rapporti di collaborazione e di scambi di esperienze, a livello nazionale e internazionale, con Organizzazioni ed Enti, pubblici e privati, per laccesso a programmi e risorse per la gestione del patrimonio” culturale e naturale e per lo sviluppo dell’occupazione.
  • Promuovere la conoscenza, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio ambientale, storico e culturale dell’Italia, con particolare riferimento alle Aree Protette, a siti della rete UNESCO (MAB-Man and Biosphere e WHS-World Heritage Sites), a realtà territoriali di particolare interesse.
  • Presentare le altre iniziative di UnivAq nel settore quali, tra le altre, una Scuola estiva e un Master internazionale in “Interpretazione del patrimonio naturale e culturale”.

Maggiori dettagli e programma di dettaglio nel depliant allegato: Programma Seminario

Concorso Internazionale “Echi di poesia dialettale 2015″

i-premio1Con l’esperienza  maturata negli anni e il successo  della precedente edizione  svoltasi con l’alto patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, della Regione Campania, del Comune di Bonito ed altri Enti, riproponiamo il Concorso Internazionale “Echi di poesia dialettale”.
Perseveriamo nell’intento di raccogliere gli echi che giungono dalla cultura popolare, le voci che vivono ancora di storia, tradizioni, natura e che riconoscono, nell’idioma locale, un vincolo di appartenenza. Il concorso non è stato concepito a scopo di lucro ma solo ed esclusivamente per il recupero dei dialetti attraverso il componimento poetico. Non prevede alcuna quota di partecipazione. Inoltre, teniamo a sottolineare che, pur partecipando a un concorso, non è importante arrivare primi, ma operare il recupero con diligenza e passione, è questo il reale servigio che si rende alla ricerca.

BANDO

Il Centro di ricerca tradizioni popolari  “La Grande Madre”   indice il Concorso Internazionale “Echi di poesia dialettale” 2015

Il dialetto costituisce la “specificità immateriale di un’etnia, la sua perdita porta verso l’omologazione culturale, il recupero è un atto di salvataggio”.

Attraverso questo concorso intendiamo raccogliere gli echi che giungono dalla cultura popolare, le voci che vivono ancora di storia, tradizioni, natura e che riconoscono, nell’idioma locale, un vincolo di appartenenza. Il concorso non è stato concepito a scopo di lucro ma solo ed esclusivamente per il recupero dei dialetti attraverso il componimento poetico. Non prevede alcuna quota di partecipazione. Inoltre, teniamo a sottolineare che, pur partecipando a un concorso, non è importante arrivare primi, ma operare il recupero con diligenza e passione, è questo il reale servigio che si rende alla ricerca.

Regolamento e  MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

Ogni concorrente può partecipare inviando tre poesie in dialetto, a tema libero, inedite, con relativa traduzione, specificando il luogo di provenienza e rispettando le regole della parlata scelta. La lunghezza dei componimenti  non dovrà superare trenta versi.

Le opere dovranno essere trasmesse, a pena di inammissibilità al concorso, nel rispetto delle modalità sotto indicate: invio in busta chiusa all’indirizzo “Molinaro Franca, Via Piano Rose 1, 82018 Calvi (BN), di:
1)Una copia cartacea dell’opera, firmata in originale sul frontespizio, con traduzione e specificazione del dialetto utilizzato.
2) Modulo di partecipazione correttamente compilato in tutte le sue parti. Conterrà obbligatoriamente le seguenti informazioni: Nome, cognome, data e luogo di nascita, indirizzo di residenza e recapiti (telefono, fax, e-mail).
3) Brevi note biografiche sull’autore.
4) Dichiarazione del partecipante attestante che l’opera presentata è autentica.
5) Copia di documento di riconoscimentoLe poesie corredate di traduzione vanno inviate anche tramite posta elettronica all’indirizzo: molinarofranca@gmail.com in formato word e non pdf o jpg. Inoltre preghiamo i poeti di non inserire caselle nei file delle poesie e delle traduzioni.
Tutto il materiale può essere  inviato anche esclusivamente via mail all’indirizzo  mail sopraindicato ma deve contenere tutti i documenti richiesti.
Le stesse regole vanno rispettate anche dagli Italiani all’estero.

Gli autori, per il fatto di partecipare al concorso, cedono il diritto di pubblicazione cartaceo e digitale senza aver nulla a pretendere come diritto d’autore.

I diritti rimangono comunque di proprietà dell’autore.

Si chiede cortesemente agli autori di non attendere l’approssimarsi della scadenza del premio ma di anticipare, se possibile, l’invio delle opere in modo tale da agevolare il lavoro della segreteria.

All’atto del ricevimento, ogni opera sarà consegnata alla giuria con numero e senza nome per evitare qualsiasi favoritismo. Non saranno considerate valide le poesie inviate in forma anonima.

La partecipazione al concorso implica l’accettazione integrale del presente bando.

I componimenti premiati riceveranno una valutazione scritta dai membri della giuria, il cui giudizio è insindacabile e inappellabile. I nomi dei consulenti, provenienti dal mondo della cultura e dell’arte, da diverse regioni italiane, saranno resi noti a selezione conclusa.
Gli esperti che andranno a costituire la giuria lo faranno a titolo gratuito come atto d’amore per la scrittura e per la propria terra, così il presidente, tutto lo staff interno e quanti si prodigheranno per la diffusione del premio. Tutte le opere dovranno essere inviate entro e non oltre il 30 marzo 2015 (farà fede la data presente sul timbro postale di spedizione).
Per qualsiasi informazione scrivere all’indirizzo mail
Email:  molinarofranca@gmail.com
o rivolgersi al 339 7475004,
Le poesie premiate e quelle ritenute valide dalla giuria, andranno a costituire l’antologia del premio. La giuria si riserva di istituire premi speciali ed effettuare ulteriori segnalazioni.
La premiazione avverrà in luogo e in data da stabilirsi. Gli autori assenti durante la giornata di premiazione potranno ricevere l’attestato e l’antologia, a casa tramite posta facendosi carico delle relative spese.
Per quanto concerne gli autori premiati gli stessi dovranno confermare la presenza alla serata di premiazione entro e non oltre 7 giorni dalla comunicazione.
Il Centro organizzatore si riserva di dare comunicazione ai concorrenti e di apportare eventuali variazioni delle presenti disposizioni dandone tempestiva comunicazione sul blog  lagrandemadre.wordpress.com

TRATTAMENTO DATI
I dati personali trasmessi verranno trattati in conformità alla Legge 196/2003 e utilizzati esclusivamente per le finalità connesse al concorso in oggetto e conservati per il tempo strettamente necessario all’espletamento al suddetto concorso. Il conferimento dei dati è obbligatorio e necessario per partecipare al concorso. Gli interessati godono dei diritti di cui all’art.7del D.Lgs. 196/2003.

PREMI

La cerimonia di premiazione dei vincitori è prevista entro il mese di agosto. In tale data sarà pubblicato sul blog lagrandemadre.wordpress.com, l’elenco  delle opere vincitrici e di quelle segnalate.

Premi:
1° classificato: l premio, pergamena e un’opera d’arte.

2° classificato: ll premio, pergamena e un’opera d’arte.

3° classificato: lll premio, pergamena e un’opera d’arte.

Premi per gli Italiani all’estero:
1° classificato: l premio, pergamena e un’opera d’arte.

2° classificato: ll premio, pergamena e un’opera d’arte.

3° classificato: lll premio, pergamena e un’opera d’arte.
Il premio alla memoria sarà assegnato a un poeta o a uno studioso della tradizione popolare, scomparso, ritenuto particolarmente attivo nel recupero del dialetto.

Gli autori delle poesie selezionate per l’antologia riceveranno un attestato di merito.

La giuria si riserva di istituire premi speciali al momento ed effettuare segnalazioni.

Tel 339 7475004

Mail  molinarofranca@gmail.com

Centro di ricerca tradizioni popolari“La Grande Madre

Concorso Internazionale “Echi di poesia dialettale” 2015

Il/la sottoscritto/a _________________________________________ nato/a a ________________

il ____________ e residente a _______________________________________________

c.f. _________________________ e-mail _____________________________ tel ____________

Dichiara

di essere proprietario unico dei diritti dell’opera inviata.

Autorizza

L’eventuale pubblicazione delle sue poesie e letture pubbliche senza nulla a pretendere.

Autorizza, inoltre, l’uso dei dati personali ai sensi della L.675/96 e successive modifiche.

Si allega copia del documento di riconoscimento.

Firma

_______________________________

SENTIERI E SAPORI alla scoperta dei tesori nascosti nelle Terre del Sud

BIBLIOTECA “TOMMASO BARTOLOMEI” PRESSO CONVENTO SERVI DI MARIA – SAVIANO

SENTIERI E SAPORI alla scoperta dei tesori nascosti nelle Terre del Sud.

Esiste un ordine religioso che forse in pochi conoscono nell’area nolana, pur godendo di una più ampia notorietà nell’ambito della provincia meridionale, facente capo a Napoli, ed è l’Ordine dei Servi di Maria, sorto a Firenze nel 1233 ad opera di sette mercanti che, lasciate tutte le loro ricchezze, incominciarono a vivere all’insegna del Vangelo, servendo i poveri ed ispirandosi alla Vergine Maria, Madre del Creatore.

Nel 1430 fu aperto a Napoli il primo convento del Sud dell’Italia. Fu così costituita la Provincia del Regno, soppressa poi nel 1810 dalle leggi napoleoniche. Ciononostante, nel 1888 vi fu la canonizzazione dei sette frati fondatori: Bonfiglio, Bonagiunta, Manetto, Uguccione, Amadio, Sostegno e Alessio. Agli inizi del XX sec. l’Ordine è ormai presente in tutti i continenti. Nel 1921, i coniugi Luigi Carrella (di Palma Campania) e Laura Mercolino (di Lauro) donarono la loro casa di campagna, in Sirico – frazione di Saviano, ai frati. Qui, nel 1922, Padre Girolamo Russo (Cimitile, 1885 – Saviano, 1970) aprì il primo Collegino del Sud dell’Italia. Da questo luogo ripartì la rinascita della presenza dei frati nel Meridione d’Italia. Presso il Convento dei Servi di Maria di Saviano si conservano le spoglie di p. G. Russo. A parte la chiesa, dove si celebra regolarmente la messa domenicale, ed il convento, aperto solo in particolari occasioni ed eventi, con le sue sale ed il giardino annesso, i Servi ospitano una Biblioteca, unica e singolare nel suo genere, preziosa e rara, gelosamente custodita dalla sapiente cura di chi sa conservare con religioso silenzio tesori inestimabili. Biblioteca, purtroppo, quasi invisibile, perché non ha goduto dell’attenzione che merita da parte della cittadinanza e delle istituzioni, che attira visitatori e studiosi da lontano, ma pressochè ignota a chi ci vive intorno.

Continua a leggere

Incontro con la Nocciola

NocciolaL’associazione Sentieri e Sapori, in collaborazione con l’Associazione Nazionale Città della Nocciola, organizza il primo corso di assaggio della nocciola dell’Area Nolana.

Il Corso, che si terrà nella Sala Consiliare del Comune di Casamarciano domenica 23 febbraio 2014 ore 9:00, fortemente voluto dal presidente di Sentieri e Sapori, Restaino Giuseppe, è stato ideato e concertato con l’amministrazione comunale di Casamarciano, da anni impegnata ad implementare tutte le possibili forme di valorizzazione della corilicoltura dell’area vesuviana.

Grazie alla consolidata esperienza della Leader Panel Irma Brizi, nocciotester ufficiale di Città della Nocciola, il corso assicurerà un percorso di primo livello finalizzato a formare sul territorio esperti assaggiatori delle principali cultivar italiane.

Continua a leggere

MOSTRA ”ARTE DA GIOCO”

Arte da GiocoALL’UNIVERSITA’ DI SALERNO LA MOSTRA ”ARTE DA GIOCO”

L’evento, a cura dell’avellinese Generoso Vella, nella Facolta’ di Scienze politiche

Saranno gli spazi antistanti alla Presidenza della Facoltà di scienze politiche dell’ Università di Salerno ad ospitare, il 28 e 29 novembre, la collettiva d’arte visiva ” Arte da gioco” organizzata dall’artista avellinese Generoso Vella in occasione dei dieci anni dell’Osservatorio Internazionale sul Gioco.

L’esposizione è costituita da opere di artisti emergenti ispirate al gioco e realizzate attraverso la lente della ricerca e dell’espressività’ giovanile e gli stili e linguaggi della contemporaneità.

L’evento, mediante il potere evocativo delle immagini, è finalizzato alla prevenzione e riduzione degli eccessi del gioco d’azzardo patologico attraverso creazioni che dimostrano l’esistenza di un gioco sano e responsabile.  Le opere raccolte intendono trasmettere la sensibilità di giovani artisti campani sul tema e la diffusione del gioco come momento ludico, di aggregazione e di socializzazione. Ciascun elaborato avrà una didascalia con messaggi e buone regole per diminuire e contrastare il fenomeno della ludopatia.

Una mostra singolare in ricordo dello storico e docente universitario Prof. Giuseppe Imbucci fondatore dell’Osservatorio sul Gioco da sempre in prima linea nello studio delle dinamiche sociali, economiche, culturali e cliniche connesse al sostenuto sviluppo del comparto del gioco pubblico in  Italia e all’estero.

Espongono le loro opere Giuseppe Amoroso, Davide Brioschi, Pellegrino Capobianco, Annachiara Di Salvio, Vincenzo Liguori, Errico Pontis, Renato Pontis, Francesco Roselli, Sabatino Santorelli, Maria Teresa Sarno, Generoso Vella e Lina Vella

L’evento gode del patrocinio morale   dall’Osservatorio Comunicazione Partecipazione Culture Giovanili del Dipartimento di Scienze Politiche Sociali e della Comunicazione  dell’Università degli studi di Salerno organismo che  studia e analizza la realtà giovanile in Campania tramite le diverse forme della partecipazione, della comunicazione e dell’espressività artistica. In occasione dell’evento, l’OCPG allestirà un desk informativo presso il quale gli artisti interessati potranno avere più informazioni sul progetto Chiamata alle Arti ed, eventualmente, iscriversi. “Chiamata alle Arti” è promosso dal Settore Politiche Giovanili della Regione Campania ed è finalizzato alla raccolta e diffusione delle produzioni artistiche giovanili (www.chiamatallearti.it ).

La mostra si accosta a una due giorni dal titolo ” Faites vos jeux! – Gioco pubblico e società contemporanea , storia, implicazioni, prospettive” con incontri e convegni alla presenza di esperti del settore e docenti universitari provenienti dai principali atenei campani.

Giovedì 28 novembre  ore 13.00 il vernissage della mostra con gli interventi di Generoso Vella artista e curatore dell’esposizione, Francesco Varricchio per l’Osservatorio Internazionale sul Gioco e di Emanuele Siano per l’Osservatorio Comunicazione Partecipazione Culture Giovanili. La mostra è visitabile dalle 13.00 alle 17.00  giovedì 28 novembre e dalle 9.00 alle 14.30 venerdì 29 novembre.

Per ulteriori informazioni
Generoso Vella 349 0884059
generosovella@libero.it
http://generosovella.files.wordpress.com/

Mercatino dell’Antiquariato e delle Cose di Altri Tempi – Pescopagano (PZ)

Questo è il quarto anno che si rinnova l’appuntamento, voluto fortemente dall’Amministrazione Comunale.

Il mercatino si tiene nella splendida cornice del centro storico di Pescopagano (PZ) con la partecipazione di vari espositori che mettono in bella mostra mobili ed oggetti di una volta, originali e stravaganti.

IMG_1184IMG_1175IMG_1168IMG_1167

 

 

 

 

Domenica 2 Giugno 2013 – Corso Umberto 1°

IL MERCATINO DELL’ANTIQUARIATO E DELLE COSE DI ALTRI TEMPI

mobili, stampe, quadri, ceramiche, fumetti, cartoline

e tanto altro dai numerosi espositori.

 Calendario 2013:

2 Giugno – 7 Luglio – 26 e 27 Luglio – 11 Agosto – 1 Settembre – 6 Ottobre

Programma e contatti Mercatino Giugno 2013

COMUNE DI PESCOPAGANO Provincia di Potenza

Piazza della Vittoria – C.A.P. 85020 – Tel. 0976500201 – Fax 09765636

comunepescopagano@rete.basilicata.it 

BENVENUTI AL SUD, incontro gastronomico Irpinia-Matera

angeli4-1Mercoledì 20 Febbraio, con inizio alle ore 19,30 presso l’Osteria Malatesta in Via S. Biagio a Matera, l’Associazione culturale per il turismo responsabileIl Vagabondo” vi aspetta per il secondo appuntamento di Benvenuti al Sud, progetto di promozione territoriale del sud Italia basato sui consigli che i cittadini, diventando “angeli” delle proprie città e delle proprie terre, sono disposti a dare ai viaggiatori.

Il progetto, patrocinato anche dal Comune di Matera, è legato al progetto/comunità Angeli per Viaggiatori attraverso la piattaforma web www.angeliperviaggiatori.com, i cui servizi sono gratuiti.

Continua a leggere

Post pubblicati

Annunci